Il marchio registrato Zucchet non è da confondere con omonimi. Scegli la professionalità e la garanzia del risultato. Solo Zucchet vi aiuta a vivere meglio.

Come liberarsi degli scorpioni italiani

scorpioni

Per fortuna gli scorpioni presenti in Italia, anche detti scorpioni italiani non sono pericolosi per l’uomo. Tuttavia, non mancano gli incontri ravvicinati con questo insetto, che infesta le nostre case. Conosciamolo meglio in questo post.

Caratteristiche degli scorpioni italiani

Lo scorpione italiano è un insetto di piccole dimensioni che fa parte della famiglia degli Euscorpiidae, nome scientifico Euscorpius Italicus. Si tratta di un animale predatore e cacciatore che si muove di notte per andare alla ricerca di cibo, tra cui gli insetti vari come i ragni. Lo scorpione può raggiungere le prede ed eliminarle percependo e ricevendo le vibrazioni anche a grande distanza. Per eliminare le prede di piccola dimensione utilizza le chele.

Se, invece, l’insetto da uccidere è di grandi dimensioni, lo scorpione si affida al pungiglione, che oltre ad un’arma rappresenta un perno per facilitare l’equilibrio e i movimenti. Proprio grazie al pungiglione lo scorpione italiano riesce a muoversi con rapidità e scaltrezza, senza lasciare scampo all’avversario.

Habitat ideale dello scorpione italiano

Gli scorpioni italiani vivono in luoghi umidi ed è facile trovarli in crepe, fessure e tramezzi di vecchie pareti. Inoltre, questo insetto abita in vecchi edifici, luoghi interrati, scantinati e centrali termiche. Si tratta di luoghi umidi, con infiltrazioni d’acqua e assenza di luce naturale, ovvero dell’habitat perfetto per la nidificazione, deposizione delle uova e proliferazione degli scorpioni. Come detto lo scorpione italiano non è pericoloso e la puntura è paragonabile a quella della vespa, a differenza dello scorpione che vive in luoghi esotici e che spesso è letale.

Per questo, alla vista dello scorpione italiano molte persone si fanno prendere dal panico e non sanno cosa fare per eliminare questa presenza indesiderata. Ecco, allora, l’importanza di rivolgersi a specialisti della disinfestazione come Zucchet, da sempre capaci di dare al cliente risposte adeguate alle sue esigenze e intervenire in modo risolutivo e decisivo.

Se state cercando di eliminare questi insetti, allora scegliete Zucchet che lavora ogni giorno per aiutarvi a vivere meglio.

Demuscazione: cos’è?

Tante volte si è sentito parlare di demuscazione, ma pochi sanno cosa si intende con questo termine e quanto è necessaria. In questo post Zucchet ha deciso di rispondere a tutti i dubbi, spiegando quando è necessario rivolgersi a specialisti della demuscazione.

L’errore più comune è quello di confondere la parola demuscazione con disinfestazione, ma tante sono le differenze tra i due termini. La demuscazione riguarda l’eliminazione di mosche con sostanze insetticide, mentre la disinfestazione è l’eliminazione di insetti e parassiti nocivi per la salute come zanzare, vespe, calabroni, zecche, pulci, cimici dei letti, acari e tanti altri ancora.

Demuscazione: l’importanza di conoscere il proprio nemico

Quando si ha a che fare con una presunta infestazione è importante conoscere il nemico da combattere per non spruzzare insetticidi a caso, mettendo a rischio la salute propria e degli altri e inquinando l’ambiente. Il consiglio degli specialisti di Zucchet è quello di analizzare il problema e solo successivamente trovare una soluzione. In particolare, la demuscazione è la lotta mirata contro le mosche.

Questo insetto alato fa parte della famiglia dei Ditteri ed è considerato molesto, sporco e sgradevole, ma soprattutto domina ovunque e porta malattie a uomini e animali. La mosca è uno degli insetti più numerosi del pianeta e nel mondo si contano oltre 17 milioni di mosche appartenenti a un milione di specie diverse.

Il fatto che si nutrano di avanzi di cibo, escrementi e carcasse in putrefazione rende le mosche insetti nauseabondi, ma soprattutto portatori di germi e batteri. Le mosche diffondono anche in Italia gravi malattie, soprattutto nel periodo aprile-ottobre. Per questo la demuscazione è essenziale in discariche, fattorie, scuderie, allevamenti di bestiame e altri luoghi in cui la presenza delle mosche è costante.

Come combattere le mosche

Cosa fare per tenere lontane le mosche, riappropriandosi dei propri spazi? Come nel caso della disinfestazione, anche la demuscazione va fatta da specialisti di Pest Control che, dopo un attento sopralluogo, valuteranno come tenere sotto controllo il numero di mosche presenti nell’ambiente da disinfestare.

La migliore arma per combattere le mosche sono i trattamenti chimici ciclici, con l’uso di insetticidi specifici che uccidono le mosche, affiancati dalle trappole ecologiche negli spazi interni ed esterni. Grazie alla presenza dell’attrattivo, la trappola chiama a sé e uccide un gran numero di mosche.

In conclusione, le mosche rappresentano una vera e propria piaga e la mosca va sempre annientata avvalendosi di un esperto di demuscazione capace di fornire soluzioni mirate con il miglior rapporto qualità prezzo. Ad esempio, chi si rivolge a Zucchet ottiene un risultato concreto, visibile e tangibile e non spreca soldi in inutili prodotti insetticidi o altre tecniche che non danno il risultato sperato.

Zucchet si occupa di disinfestazioni e demuscazioni da sempre e i nostri professionisti aiutano il cliente con professionalità, esperienza, trasparenza e massima serietà. Cosa aspetti? Richiedi ora la tua consulenza personalizzata, perché Zucchet ti aiuta a vivere meglio!

I roditori presenti nel nostro territorio

Derattizzazione Topi a roma

I roditori, anche chiamati topi, presenti in Italia non sono tutti uguali ma appartengono a tre specie diverse, che sono anche quelle più presenti e comuni nelle nostre città. Conosciamole meglio.

Il topolino domestico (Mus Musculus Domesticus)

Anche se resta un topo si tratta del topolino più carino e simpatico, di taglia piccola e dimensioni ridotte, pari a un max di 10 cm. La coda è più piccola del corpo e il mantello è di colore bruno-grigiastro con la pancia che tende al grigio chiaro. Gli occhi sono grande e le orecchie piccole e molto pronunciate.

Oggi questo topolino è presente quasi ovunque ed ha colonizzato ogni insediamento umano. Abile e diffidente, questo roditore si muove con disinvoltura in ogni zona senza difficoltà, compresi i controsoffitti, le intercapedini interne ed esterne degli stabili condominiali, gli impianti elettrici e i cunicoli interrati per trovare cibo o rifugio.

Molto spesso questi animali si trovano anche nei motori e negli elettrodomestici, oltre che in ripostigli o rifugi poco frequentati in cui possono trascorrere la vita intera. Il loro nutrimento si basa principalmente su semi, ma trattandosi di roditori curiosi assaggiano praticamente tutto ciò che ha origini alimentari.

Anche se molto piccolo e tenero, il topolino domestico è un roditore estremamente territoriale e i maschi sono dominanti e aggressivi nei confronti degli altri individui. La forte gerarchia che vige nelle colonie di questi roditori spinge alla dispersione isolata degli animali giovani.

Ratto nero

Anche chiamato Ratto dei Tetti, questo roditore il cui nome scientifico è rattus rattus è un abile arrampicatore, dal corpo agile e snello e dal peso non superiore ai 300 grammi. Questo topo ha orecchie molto grandi, pochi peli, muso appuntito e una lunga coda e il mantello ha diversi colori.

Anch’esso schivo e diffidente come tutti i roditori, preferisce vivere in alto e in posti asciutti come le zone alberate e le palme. Onnivoro, preferisce nutrirsi di alimenti di origine vegetale e per la sua diffidenza si nutre solo di alimenti che conosce molto bene. Questo rende più complesso l’intervento di disinfestazione da parte degli specialisti di Pest Control e la derattizzazione.

Ratto Norvegicus o Surmolotto

Il Ratto Norvegicus o Surmolotto è la classica pantegana, il più brutto e cattivo dei roditori il cui peso può superare anche i 500 grammi e le sue dimensioni raggiungere i 30 cm esclusa la coda. Questo roditore si distingue per la corporatura robusta, il muso quadrato e i piccoli occhi e orecchie. Abile scavatore e ottimo nuotatore vive principalmente nelle condotte fognarie delle grandi città e usa gli accessi più impensabili per colonizzare le parti basse della casa. Il pelo è ispido e dal colore marrone, che varia in diverse tonalità e si nutre di tutto, rappresentando un pericolo per la sicurezza degli uomini.

Tra tutti i roditori è quello più prolifero e il periodo di accoppiamento dura tutto l’anno. La gestazione dura 20 giorni, al termine dei quali la femmina partorisce 8-10 topolini che saranno sessualmente maturi già dopo 3 mesi.

Caratteristiche dei roditori

Nel mondo dei topi e dei ratti tutto è accelerato e veloce: una pantegana è di nuovo feconda già dopo aver dato alla luce i piccoli. Inoltre, questi roditori sono estremamente territoriali e possiedono un elevato grado di socializzazione, rappresentando il più temuto pericolo per la sanità pubblica.

I tre esemplari descritti in questo post sono le specie più diffuse in Italia, anche se sul nostro territorio vivono oltre 20 specie diverse di roditori, che si sono adattati agli insediamenti umani.

Sbarazzarsi dei topi è difficile dato che sono mammiferi astuti, diffidenti e attenti e per una corretta attività di derattizzazione è importante affidarsi a professionisti del settore come Zucchet, che vi daranno i migliori consigli e vi aiuteranno a vivere meglio.

La nostra missione è eliminare la vostra infestazione in ogni modo, perché, come dice il nostro motto “Zucchet vi aiuta a vivere meglio”.

Cosa è la sanificazione ambientale e perché è importante

Disinfezione cinema

Da marzo 2020, complice l’emergenza lockdown, la parola sanificazione è entrata nel nostro quotidiano. Tutti parlano di sanificazione ambientale, ma cosa significa esattamente questo termine? Semplice: la sanificazione è un trattamento eseguito per abbattere e annientare batteri, virus, muffe e agenti contaminanti che non vengono eliminati con il normale processo di pulizia e con i detergenti tradizionali.

Il principale obiettivo della sanificazione è riportare la carica microbica e virale agli standard igienici ottimali e mettere in sicurezza gli ambienti in cui si vive e lavora eliminando agenti patogeni pericolosi per la salute.

Dove si esegue la sanificazione ambientale?

Tutti i trattamenti di sanificazione ambientale non vengono eseguiti solo sui servizi igienici ma su ogni superficie della casa e dell’ufficio, tra cui mobili, utensili, attrezzature, ripiani di lavoro e tanti altri. Pochi sanno, ad esempio, che la sanificazione ambientale viene fatta anche sugli impianti di condizionamento e idrici per eliminare il rischio di legionella.

I servizi di sanificazione ambientale come quelli proposti da Zucchet sono uno degli aspetti fondamentali nella manutenzione anche di uffici e aziende e vanno programmati a cadenza regolare per il rispetto delle normative vigenti, per rendere gli ambienti più sicuri e, durante l’emergenza COVID-19, per rendere gli ambienti privi di rischi di contagio.

Proprio a seguito dell’emergenza sanitaria, la sanificazione ambientale va fatta seguendo le direttive e le indicazioni del Ministero della salute presenti nella circolare N.5443 del 22/02/20.

La sanificazione ambientale secondo Zucchet

In Zucchet eseguiamo trattamenti professionali di sanificazione ambientale con il rilascio di certificazioni sanitarie, che prevedono la registrazione e documentazione dei prodotti impiegati. In particolare forniamo all’azienda schede di sicurezza e schede tecniche, indicazione sui macchinari e le attrezzature impiegati e mettiamo a disposizione personale qualificato e dotati di ogni DPI (dispositivo di protezione individuale).

Per noi la qualità e la sicurezza di ogni ambiente è un valore importantissimo, che rientra nella nostra missione di aiutarvi a vivere meglio. Le persone, oggi più che mai, ci tengono a ripetere che tutto e pulito e sanificato per tranquillizzate i potenziali clienti, soprattutto nel caso di locali aperti al pubblico. Eppure il tema della sanificazione ambientale è diventato una proprietà con la pandemia di COVID-19, per la paura che il terribile coronavirus si diffonda nei propri ambienti.

Scegliere uno specialista di sanificazione significa utilizzare prodotti non nocivi e igienizzare i locali nel migliore dei modi per assicurare il proprio bene e quello degli altri. Tuttavia, pulire e sanificare non deve diventare un’ossessione o una malattia. La pulizia è parte della nostra cultura, della nostra educazione e del nostro quotidiano e rappresenta senso civico e attenzione agli altri.

Il rispetto della normativa vigente non deve rendere la pulizia un obbligo, ma farla diventare elemento fondante della nostra vita presente e futura. Non aspettare ancora: muoviti e agisci interpellando gli specialisti in sanificazione Zucchet per compiere il primo passo verso un futuro migliore.

Come combattere i tarli, parassiti del legno

disinfestazione da tarli

Tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare con i tarli, piccoli parassiti che mangiano lentamente e incessantemente il legno dei mobili. Il problema è tanto più grave quanto più antichi e di pregio sono i mobili: pensiamo ad arredi tramandati di generazione in generazione da padre in figlio, senza sapere che magari sono infestati dai tarli. Questi parassiti comportano anche complicazioni deleterie per la salute delle persone, anche se in pochi ne sono a conoscenza.

Come capire se un mobile è infestato dai tarli

Quando si porta a casa un nuovo mobile, come capire se è infestato dai tarli? Scopriamolo subito in modo pratico e concreto.

La prima cosa da fare è capire se l’arredo si trovava in un’abitazione con altri mobili tarlati. Successivamente è importante ispezionare accuratamente l’interno e l’esterno del mobile usando anche una lente di ingrandimento.

In questo momento cercheremo eventuali forellini con fuoriuscita di rosura, ovvero legno morto e ci concentreremo con maggiore attenzione sulle zone del mobile in legno che resteranno grezze, ovvero non saranno laccate e sono prive di componenti aggiuntivi.

Se le parti vergini del mobile sono realizzate con legno di buona fattura, la probabilità negli anni di subire un attacco da parte dei tarli è superiore.

Come eliminare i tarli dai mobili

In rete e nella tradizione comune esistono tanti modi fai da te per eliminare i tarli, ma nella maggior parte dei casi si tratta di palliativi al problema e non di vere e proprie soluzioni. Qualora avessimo un problema di tarli che infestano l’arredo di casa è importante contattare un esperto per una consulenza esterna, in modo da ricevere i migliori consigli.

Usare insetticidi senza sapere come fare a eliminare i tarli non ha senso e solo contattando una ditta del settore del Pest Control saremo sicuri di risolvere definitivamente il problema.

Ad esempio, noi di Zucchet offriamo ai nostri clienti una soluzione sicura ed efficace contro il problema dei tarli e tuteliamo i vostri ambienti e i vostri mobili. Le migliori soluzioni sono le camere microonde a temperature controllate e gli impianti a gas CO2, totalmente ecologiche e green, dato che non fanno uso di soluzioni chimiche.

Da sempre in Zucchet forniamo soluzioni chiare e allora, se pensi che il tuo mobile sia tarlato, contattaci per eliminare da subito questi parassiti. Ricorda: Zucchet è l’azienda specializzata in disinfestazioni che ti aiuta a vivere meglio.

Cimici dei letti: un vero carnefice delle nostre case

cimici dei letti

Da dove arrivano?

Le terribili cimici dei letti sono parassiti che si nutrono di sangue umano e per i quali il pasto più succulento siamo proprio noi esseri umani.

Come fa questo parassita a entrare nelle nostre case e morderci? Semplice, sono gli stessi proprietari ad aprirgli le porte di casa con i bagagli: valigie e borsini sono i protagonisti involontari del trasferimento delle cimici dei letti da un luogo ad un altro.

Ad esempio, i nostri bagagli portano questo parassita dalle stive delle navi e degli aerei al letto, dato che viaggiano ammassati gli uni sugli altri e in totale assenza di luce. Un ambiente ideale per la cimice dei letti, che si muove solo al buio, rifugge la luce e può contaminare prima il bagaglio e poi il letto.

Cimici dei letti: cosa succede la notte

Una volta che il bagaglio infestato avrà raggiunto l’abitazione, l’hotel e il B&B e l’insetto si è spostato con lui, inizia il peggio. Quando fuori è buio la cimice verrà attratta dal calore umano e dall’anidride carbonica che emettiamo durante il sonno e comincerà a morderci, nutrendosi del nostro sangue. Il pasto terminerà alle prime luci dell’alba, quando l’insetto si ritirerà nelle cuciture del materasso, nelle doghe, nelle spalliere o nelle fessure delle pareti attendendo che sia di nuovo notte.

Come difendersi dalle cimici dei letti

Come fare per difendersi da questo parassita che succhia il sangue? Il primo consiglio è affidarsi ad un professionista specializzato in infestazione e con decennale esperienza in materia di cimici dei letti che, dopo un attento sopralluogo alla vostra abitazione, vi indicherà le migliori soluzioni per eliminare questo ospite sgradito.

Da sempre noi di Zucchet lavoriamo andando oltre alla semplice disinfestazione per far capire al cliente l’importanza di una buona prevenzione e correggere comportamenti e abitudini che possono portare le cimici dei letti nelle nostre case. La nostra più grande soddisfazione è liberare il cliente da quello che può diventare un incubo quotidiano, regalando alla persona il sorriso e facendola tornare padrona della casa. Un cliente contento in Zucchet viene prima di tutto, per questo amiamo ricordare che la nostra missione è risolvere la vostra infestazione e che da sempre ZUCCHET VI AIUTA A VIVERE MEGLIO.

Derattizzazione topi

Controllo topi e ratti

Il controllo topi e ratti permette di contrastare l’invasione delle nostre metropoli, sia nelle periferie sia nel centro città, da parte di questo animale pericoloso per la salute.

Da sempre gli uomini lottano contro questo roditore, scaltro e diffidente, schivo e mai banale, e devono studiare sempre nuove tecniche per combattere topi e ratti. Eppure, la parola topo ci rimanda a piacevoli protagonisti della nostra infanzia, da Topo Gigio a Tom & Jerry, da Bianca e Bernie a Stuart Little e tanti altri. L’immagine del topolino indifeso, simpatico e dal cuore d’oro fa parte della fantasia dei più piccoli.

In realtà, però, le cose non stanno così e si parla frequentemente di lotta a questi roditori e di caccia al topo, una pratica sempre esistita e che è destinata a non tramontare mai.

Controllo topi e ratti: le tecniche da adottare

In centinaia di anni l’uomo si è ingegnato per creare, costruire e realizzare trappole per catturare i topi e risolvere una volta per tutte questo problema. In particolare, nei tempi più recenti per debellare dalle città la presenza di comunità di roditori e procedere al controllo topi e ratti si è passati ai rodenticidi meglio conosciuti come “Le Bustine”.

Affidarsi a questa tecnica significa, però, utilizzare un sistema ormai obsoleto e superato e che nella maggior parte dei casi è inutile e inefficace. Non solo: l’abuso di bustine contro ratti e topi si rivela dannoso per altri mammiferi come cani, gatti e volatili, oltre che per noi stessi e per i nostri figli. Cosa fare allora per tenere sotto controllo le colonie di roditori? La soluzione esiste e la puoi trovare da Zucchet.

La soluzione di Zucchet al problema dei ratti e topi

La prima cosa da fare per contrastare il problema dei topi e dei ratti è coinvolgere un esperto del settore, che provvederà all’ispezione e al rilevamento fotografico delle aree interessate per poi proporre un trattamento di profilassi antimurina contro topi e ratti.

La soluzione al problema dell’invasione dei roditori esiste, ma la sua individuazione va affidata a un professionista del PEST Control. Noi di Zucchet facciamo proprio questo: proponiamo ai clienti le risposte più innovative, efficaci e sicure per il controllo topi e ratti, tenendo conto della tipologia di zone da trattare e nel pieno rispetto delle normative vigenti.

La nostra missione, da sempre, è eliminare la vostra infestazione in modo sicuro, proteggendo spazi interni ed esterni e trattando gli ambienti con interventi ciclici che portano all’eliminazione definitiva delle colonie di roditori. Non solo: una volta effettuata la disinfestazione dai topi adotteremo misure di prevenzione e controllo per evitarne il ritorno. Chi cerca risultati rapidi, concreti e sicuri sa che può trovare in Zucchet una ditta specializzata del settore, che mette al primo posto il cliente e la sua sicurezza per migliorare la qualità della vita.

Come amiamo dire da noi “Zucchet vi aiuta a vivere meglio”.

Disinfestazione zanzare: quando eseguire i trattamenti

disinfestazione zanzare

Le zanzare sono un insetto fastidiosissimo e sempre più diffuso in tutte le regioni italiane e per questo la domanda che tutti si fanno è: “quando eseguire i trattamenti di disinfestazione zanzare?”, “quali sono i periodi migliori dell’anno per una disinfestazione?”.

La zanzara è un insetto comune che in primavera ed estate rende le notti impossibili, proliferando indisturbata in giardini, terrazze, balconi e porticati. Per eliminare questo problema e limitare la diffusione del fastidioso insetto è importante adottare accorgimenti e precauzioni specifiche.

Si tratta di adottare buone pratiche ad ampio raggio, un’idea comune e molto diffusa è quello di pensare che se i vicini o il condominio dove si abita non fanno prevenzione contro le zanzare e non eseguono disinfestazioni contro le zanzare sia inutile procedere con la bonifica e disinfestazione della propria area verde o del proprio balcone. Come muoversi in questi casi?

Disinfestazione zanzare: il consiglio è giocare d’anticipo

La disinfestazione zanzare è un’attività che va fatta partendo con grande anticipo rispetto al periodo del caldo estivo. Consigliamo quindi di procedere con i primi trattamenti antizanzara già da gennaio/febbraio, per poi continuare fino ad aprile.

La tecnica più utilizzata e diffusa è rappresentata dalle compresse contro le larve di zanzara, che si trovano in commercio sotto forma di tavoletta effervescente da inserire in griglie di scolo, grondaie, pozzetti, chiusini e sottovasi oltre ad ogni altro luogo caratterizzato da ristagni di acqua. Le tavolette per la disinfestazione zanzare vanno sostituite periodicamente ogni 7-10 giorni ed è importante tenere sotto controllo le zone più umide del giardino fin dai mesi invernali.

Con l’arrivo della primavera è il momento di affidarsi ad aziende specializzate in disinfestazione zanzare, che adotteranno tecniche per eliminare le zanzare adulte. A seconda delle zone, il trattamento di disinfestazione è consigliabile entro la prima decade di maggio, con una ripetizione ciclica ogni 15/30 giorni a seconda del periodo, della località e dell’ambiente da trattare.

Se, ad esempio, la nostra casa si trova nelle vicinanze di un fiume la presenza di zanzare potrebbe essere amplificata e gli interventi di disinfestazione dovranno essere più ravvicinati nel tempo. Gli ambienti aperti e soleggiati, caratterizzati da minore umidità saranno meno interessati dal problema delle zanzare e in questo caso contenere il problema della proliferazione di questo insetto sarà decisamente più semplice.

Liberati dalle zanzare rivolgiti a Zucchet!

Se ti stai chiedendo quale sia il momento e il modo più idoneo per eliminare il problema delle infestazioni da zanzare, il consiglio migliore è quello di rivolgersi ad un professionista di disinfestazione, capace di darti i suggerimenti più adatti alle tue esigenze.

Noi di Zucchet affianchiamo da sempre i nostri clienti con competenza, serietà e grande professionalità e offriamo una consulenza con personale qualificato. Il nostro obiettivo è rispondere a ogni esigenza e risolvere qualsiasi infestazione di insetti nei luoghi in cui vivono i nostri clienti. La disinfestazione delle zanzare a Roma è diventata sempre più difficile, ed è per questo che consigliamo di intervenire tempestivamente e sopratutto nei primi periodi dell’anno.

Se anche tu cerchi un partner affidabile e capace di eliminare una volta per tutte il problema delle zanzare, ma soprattutto la migliore soluzione al prezzo più vantaggioso, allora stai cercando Zucchet.

La nostra missione è porre fine alle infestazioni da zanzare o altri insetti e da sempre Zucchet è l’azienda che ti aiuta a vivere meglio. Contattaci per saperne di più!

Come eliminare le blatte

Come eliminare le blatte

Il primo consiglio di Zucchet a chi si chiede come eliminare le blatte anche comunemente chiamati scarafaggi, è quello di individuare il tipo di blatta o scarafaggio da eliminare. Non tutti i blattoidi, infatti, vengono eliminati e annientati nello stesso modo.

Ad esempio, se il problema delle blatte interessa la cucina del nostro appartamento, molto probabilmente la zona dei pensili, del forno e del piano cottura oltre a tutte le fessure e crepe saranno interessate dalla Blattella Germanica o Supella Lolgipalpa. Si tratta di blatte che non infestano la rete fognaria per cui un trattamento chimico di tombini e pozzetti non risolverà il problema e sarà inutile. Il consiglio per eliminare questo tipo di blatte è usare soluzioni in gel professionali e non pericolose, ma soprattutto non tossiche per l’ambiente, le persone e gli animali.

Rivolgersi a un professionista di eliminazione blatte significa poter contare sulla consulenza migliore e mettere in atto un intervento che eliminerà questo insetto dalla casa. Come detto, tuttavia, esistono diversi tipi di blatte.

Come eliminare le blatte comuni

Le più comuni sono quelle grandi e di colore scuro che si rinvengono negli spazi condominiali, quali garage, corridoi, locali e cantine. Nelle intercapedini di questi spazi vivono le blatte orientalis o periplaneta. Si tratta del tipico scarafaggio che infesta gli stabili condominiali, i magazzini e le aziende. Anche in questo caso Zucchet consiglia di affidarsi ad uno specialista che, durante un sopralluogo, individuerà le aree e le zone sensibili da tenere monitorate. Tra queste ci sono le reti fognarie, ovvero i tombini, i pozzetti e le griglie di scolo per cui sono possibili appositi trattamenti chimici.

Il trattamento chimico per l’eliminazione delle blatte comuni si effettua tra aprile ed ottobre, il periodo in cui i blattoidi nidificano e sono maggiormente presenti in edifici e fabbricati. Tale intervento andrà ripetuto poi ogni anno per evitare che l’infestazione da blatte si ripresenti e che questi fastidiosi insetti escano da scarichi e sifoni.

Le blatte comuni predominano nelle reti fognarie delle acque scure e, pertanto, sono veicolo di germi e batteri e rendono la vita della persona meno sana.

Conclusioni

Il miglior modo per evitare che il condominio sia infestato dalle blatte è che l’amministratore degli stabili contatti ogni anno un’azienda specializzata come Zucchet. I nostri tecnici sono preparati per eliminare e affrontare qualsiasi tipo di infestazione e lavorano con esperienza e professionalità nel campo del pest control.

In caso di infestazioni da blatte le soluzioni esistono, ma l’importante è affidarsi a professionisti seri e competenti per evitare che il problema si ripresenti e per risolverlo in modo definitivo. Il nostro obiettivo è eliminare l’infestazione e riportare il sorriso alle persone, aiutandole a vivere meglio.

Call Now ButtonCHIAMA ZUCCHET
WhatsApp chat